PALMERI


NIENTE ADDEBITO DOMICILIATO SE NON CI SONO I FONDI, Nuova Disciplina sulla tenuta dei conti correnti bancari

13.12.2020 10:46


Nell’approfondimento del 29 novembre scorso, avevamo già affrontato quest’argomento, parliamo infatti del regolamento dell’Unione Europea che entrerà in vigore il 01 gennaio 2020 sulle banche e sul “Default”, ci preme fornire più informazioni sull’argomento ed aggiornare i nostri lettori, in quanto tale norma (come avevamo già scritto in precedenza) avrà un impatto devastante sulle nostre vite e sui nostri Conti Correnti.

Per esempio, già dal 01 dicembre di quest’anno i circa 3 milioni di clienti della Banca nazionale del Lavoro, parte del gruppo francese Bnp-Paribas, non potranno più andare in rosso sul conto corrente.

E questo perché gli addebiti automatici in conto - come bollette oppure addebito delle carte di credito o debito - non saranno consentiti se il cliente non avrà sufficiente liquidità sul suo deposito. L’informativa alla clientela è stata mandata attraverso una mail nella quale si spiega che la banca ha recepito le nuove regole dell’Eba, l’Autorità bancaria europea.

Questo regolamento ha esclusivamente il compito di salvare le banche, a discapito del cliente consumatore, In quest’ottica infatti la banca centrale europea avverte le banche: alzare la guardia contro nuovi possibili rischi che potrebbero «amplificare lo shock» della pandemia una volta che le moratorie sui prestiti verranno tolte. Il monito è contenuto in una lettera che la Vigilanza bancaria europea ha inviato ai principali istituti di credito, chiedendo particolare attenzione alla gestione dei rischi di credito, alla qualità dei prestiti e alla capacità dei clienti di rimborsare. «Ci si attende che gli enti significativi – sottolinea il presidente della vigilanza Enria - svolgano una valutazione periodica dell’inadempienza probabile (unlikely to pay) dei debitori, comprese le esposizioni che godono di moratorie generali di pagamento».

Sono proprio quelle norme sulle quali le banche italiane e l’Associazione bancaria richiamano l’attenzione ormai da qualche mese, mettendo in guardia dal rischio che de-terminino una stretta alla flessibilità verso la clientela e il rischio di dover svalutare rapidamente e in maggiori dimensioni i crediti.

Quelle norme prevedono che per un mancato pagamento superiore a 100 euro, protratto per tre mesi, il cliente sia classificato come cattivo pagatore, tutta la sua esposizione verso la banca sia riclassificata come Npl e sia inviata la segnalazione alla centrale rischi.

Tutto questo entrerà in vigore dal primo gennaio. Il gruppo Bnp Paribas Bnl, come abbiamo detto, ha già scelto di portarsi avanti e anticipare le modalità già dall’inizio del mese, per dare tempo alla clientela ad abituarsi al nuovo regime.

La comunicazione precisa che il giorno della scadenza del pagamento via addebito l’istituto provvederà sin dalla mattina a verificare la consistenza sul conto corrente; se la disponibilità non sarà sufficiente verrà inviata una notifica.

Entro le 15 della stessa giornata va assicurata la copertura del fabbisogno sul conto, altrimenti il pagamento verrà bloccato.

Il gruppo francese ha scelto una linea rigorista di applicazione delle norme, in linea con le consuetudini dei paesi del Nord Europa, nei quali il rosso sul conto non è ammesso e non esiste il finanziamento tramite lo scoperto di conto corrente.

Il senso è: se non ci sono i soldi l’addebito non passa. A quel punto il cliente diventa moroso nei confronti, ad esempio, della società elettrica o dell’emittente della carta di credito e non contrae un debito con la banca. Il meccanismo consente all’istituto di prevenire la formazione di crediti deteriorati, ma in effetti si evita anche al cliente il rischio di venire segnalato nella centrale rischi della Banca d’Italia.

Finora accadeva che il passaggio di un addebito non coperto - per importi non eccessivi -non determinasse particolari scossoni, se protratto per un breve margine temporale, anche se c’era il rischio di vedersi applicare tassi elevati. Ora questo non sarà possibile.

E se la scelta di Bnl appare quella più rigorosa, anche le altre banche italiane si stanno comunque preparando all’appuntamento del primo gennaio. Intesa-SanPaolo non adotterà provvedimenti come quelli dei concorrenti francesi e consentirà l’addebito di pagamenti non coperti (ovviamente anche sulla base della conoscenza del cliente).

Ciò non toglie, però, che il titolare del conto sia contattato per informarlo dell’accaduto e sollecitato a coprire lo scoperto (ovviamente se il cliente ha un’apertura di credito su conto corrente lo sconfinamento è segnalato se esso supera la soglia massima dell’affidamento autorizzato).

Il termine dei 90 giorni ormai è stringente per tutti. Sulla stessa linea anche Unicredit: il gruppo bancario non ha introdotto un automatismo per bloccare gli addebiti non coperti. L’istituto ha preferito lavorare sull’informativa ai clienti, svolta in più fasi, per illustrare le nuove regole, le relative implicazioni e l’opportunità di porre la massima attenzione alle scadenze.

Insomma, una sensibilizzazione affinché i saldi di conto corrente siano tenuti sotto controllo.

Staff di Redazione Palmeristudi

    (Riproduzione ©riservata)

 

 

 

 

—————

Indietro